sabato 24 febbraio 2018

nuova uscita Sonzogno: Non si uccide per amore


Sinossi: Un foglietto, ormai ingiallito, trovato in una vecchia giacca nel fondo di un armadio, riporta la memoria di Libera, la fioraia del Giambellino, all'episodio più doloroso della propria vita. Quella giacca è di suo marito, ucciso vent'anni prima senza che sia mai stato trovato il colpevole, e quel biglietto sembra scritto da una donna. Dopo essersi improvvisata detective, nei romanzi precedenti, per risolvere i casi degli altri, questa volta Libera trova il coraggio per rivangare le vicende di quel suo passato. Con l'aiuto della madre bizzarra e di una giovane cronista di nera, e nonostante la vana opposizione della figlia poliziotta, si spingerà fino in Calabria per guardare in faccia l'amara verità.


L’autrice: Rosa Teruzzi (1965) vive e lavora a Milano. Ha pubblicato diversi racconti e tre romanzi. Esperta di cronaca nera, è caporedattore della trasmissione televisiva Quarto grado, in onda su Retequattro. Per scrivere si ritira sul lago di Como, in un vecchio casello ferroviario, dove colleziona libri gialli. Per Sonzogno, nel 2016 ha pubblicato La sposa scomparsa. Questo è il secondo volume della serie che vede come protagoniste le tre investigatrici milanesi.

nuova uscita Giulio Perrone editore: La Dora dei miei sogni

pag.230 – prezzo 16€
dall’8 marzo

Sinossi: Dora, Dora, Dora, vagheggiata, inseguita, adorata e Mauro Sardonico, agente assicurativo di successo, inventore della polizza Vitanaturaldurante, di questo amore non può farne a meno.
Lui vive letteralmente per lei, Dora, la donna dei suoi sogni. D’improvviso alcuni clienti dell’agente vengono assassinati in modo seriale e i sospetti, così, gravano sullo stesso Sardonico.
Tutte le vittime vengono trovate col cranio rasato e con scritti, sulla fronte, un aforisma di Zurau, un particolare che lo riguarda da vicino e lo mette, a poco a poco, sempre più nei guai.
Qualcuno vuole incastrarlo? E perché? Chi gli vuole così male da arrivare a uccidere altre, innocenti, persone pur di rovinarlo e condurlo definitivamente nel Carcere Trasparente?
Una cosa è certa, Sardonico non deve perdere la clama e cercare di ragionare. Non perde occasione per chiudere gli occhi, cercare la verità e aspettare così che Dora, splendida e inafferrabile, lo tranquillizzi con le sue dolci parole. La verità è che lui vorrebbe solo abbandonarsi tra le sue braccia. Massimo Torre elimina ogni filtro e lascia che il protagonista si confessi, seguendo la tortuosa via dei propri pensieri scomposti e delle proprie paure più profonde, per sfuggire alle quali spesso l’unico, autentico rifugio sono le proprie fantasie.
Ammesso che riescano a reggere all’urto con la realtà.
La Dora dei miei sogni: un romanzo ricco di suggestioni distopiche che segue il flusso irrefrenabile di una coscienza in equilibrio precario fra illusione e verità.


L’autore: Massimo Torre è nato a Napoli nel 1958. Vive a Roma. Sceneggiatore di film e serie televisive di successo, fa parte della giuria del Premio Solinas, il più prestigioso premio di sceneggiatura italiano. Per le Edizioni E/O ha pubblicato nel 2014 Chi ha paura di Pulcinella? Nel 2015 Uccidete Pulcinella, nel 2017 La giustizia di Pulcinella.

venerdì 23 febbraio 2018

nuova uscita Cairo Editore

pag. 352 – prezzo 16€
dal 15 marzo

Sinossi: Anna, una ex giornalista italiana sposata a un ricco businessman emiratino, vive tra agi, jet set e serate glamour, persa in un universo di donne sofisticate che combattono nel mare insidioso della spietata concorrenza delle “altre” e di uomini fatti con lo stampino: onnipotenti, complici, affascinanti ma traditori. Un mondo che sembra la giostra di un gioco crudele dove brilla Oxana, bellissima modella russa, uscita dal paginone centrale di Playboy ed entraîneuse.

Due donne e due storie che si intrecciano: Anna, costretta a letto da una gravidanza a rischio e alle prese con un parto prematuro, diventa spettatrice esterna di questo mondo dorato e plastificato, le cui cronache mondane arrivano dalle chiacchiere con l'amica Oxana. Confinata tra casa e ospedale, Anna lotta contro l’indifferenza del marito, contesta i ruoli e combatte contro un ingiustificato senso di colpa di fronte alla sua bambina tanto vulnerabile.

Oxana, meraviglioso cocktail di innocenza e seduttiva aggressività, arrampicatrice sociale pronta a tutto pur di garantirsi un futuro e una posizione in questa cinica Dubai, si rivela fragile e umana grazie ai flashback sul suo passato e alle confessioni fatte ad Anna.

Una favola moderna per farci sognare e per capire i meccanismi di una società che non è poi così diversa dalla nostra. E anche quelli di un matrimonio tra due culture, tra Islam e Occidente, in cui le dinamiche dell’amore sono quelle universali: la crisi di una gravidanza difficile, l’impotenza della coppia di fronte a un destino che ti fa uno sgambetto.

Una saga di donne da copertina, belle e impossibili, ma vicine nella loro sofferenza, ingenuità, e nella ricerca di una felicità che sembra sempre ad un passo.

L’autrice: Melanie F. è un’artista contemporanea e una scrittrice. Ha lavorato in televisione prima di ritirarsi a Dubai, dove vive tutt’ora con la sua famiglia. Per Cairo ha pubblicato nel 2017 L’Occidentale. La trovate su www.melaniefrancesca.com

giovedì 22 febbraio 2018

nuova uscita Corbaccio: Se ricordi il mio nome

pag. 245 – prezzo 16€

Sinossi: “Vedi?. Io sono qui e ci sarò sempre. Anche se non sai dire il mio nome, io ci sono, non ti lascio. Io non ti abbandono. Tienilo nella tua testa, tienilo nel cuore, il suono del mio nome.”
È possibile che un trentenne ricco sfondato, sdraiato su una dorata spiaggia caraibica, invece che rallegrarsi della propria sorte, muoia di nostalgia per una famiglia agli antipodi, e che non è neppure la sua famiglia, e per una bambina che non sa dire altro che “fangulo”? Sì, se si chiama “Smilzo” e se ha trascorso – adesso lo ha capito – i mesi più belli della sua vita cercando di aiutare una buffa bambina e la sua ricchissima madre, che in una Roma caotica e implacabile erano diventate vittime di un mostruoso piano criminoso. Ma ora che tutto è finito, ora che lui, lo Smilzo, ex finanziere di successo, ex bancarottiere suo malgrado ed ex barbone trasteverino si trova a scontare i suoi peccati fiscali in un paradiso naturale, gli riesce solo di pensare a quella bambina, alla sua mamma e a tutta una serie di personaggi bislacchi e straordinari che aveva conosciuto: frati, barboni, commissari di polizia, professori un po’ svampiti convinti di possedere cani parlanti. E quando, tra una fantasticheria e l’altra, sente suonare il suo cellulare e vede comparire un certo numero sul display, il suo cuore fa un balzo. Quel suono vuol dire due cose: la bambina non l’ha dimenticato e la bambina ha bisogno di lui. E non c’è bisogno di dire altro.


L’autrice: Carla Vistarini, romana, ha scritto canzoni per Ornella Vanoni (La voglia di sognare), Mina, (Buonanotte buonanotte), Mia Martini (La nevicata del ’56), Patty Pravo,  Riccardo Fogli, Amedeo Minghi, Renato Zero ... Ha scritto i testi per alcuni dei programmi televisivi di intrattenimento di maggiore successo fra gli anni Settanta e Duemila collaborando, fra gli altri, con Gigi Proietti, Loretta Goggi, Fabio Fazio, Maurizio Costanzo; è autrice di commedie premiate dalla critica come «Ugo» con Alessandro Haber, e di sceneggiature di film come «Nemici d'infanzia» di Luigi Magni con cui ha vinto un David di Donatello. «Se ricordi il mio nome» è il suo secondo romanzo.

mercoledì 21 febbraio 2018

nuova uscita al cinema: Eterno Femminile

dal 15 marzo

Genere: drammatico
Durata: 85min

Trama: Rosario Castellanos non sembra una donna del suo tempo. Da studentessa universitaria introversa diventa presto una delle principali protagoniste della letteratura messicana che, con la sua scrittura, combatte una società molto maschilista. Tuttavia la sua tumultuosa storia d’amore con Ricardo Guerra mostra un lato fragile e contraddittorio della sua personalità. Sarà all’apice della sua carriera e nel momento migliore della sua relazione che Rosario darà il via a un dibattito che segnerà una svolta decisiva nella sua vita.

Nota di regia:
Tutti noi siamo ipovedenti. Che sia diagnosticato o meno, praticamente nessuno di noi è in grado di vedere ciò che è più vicino a noi: noi stessi. La parte più ampia della nostra superficie è nascosta dietro punti ciechi; ciò che riusciamo a vedere è distorto dalla prospettiva e - a meno che non viviamo in una casa di specchi - ci sono aspetti e proiezioni di noi stessi che sono solo privilegio degli altri.
Rosario Castellanos scriveva instancabilmente su se stessa: come se cercasse di cogliere, in una fitta rete di parole, ciò che alla fine è così paradossalmente sfuggente - il sé. Lo ha fatto attraverso i suoi racconti, poesie, opere teatrali e saggi. Lo fece con generosità e saggezza, consapevole che non si trattava solo di lei, ma anche di tutti gli altri. Nonostante avesse radunato nel corso della sua vita un vasto vocabolario del dolore - alla fine era incapace di individuare la posizione esatta della sua ferita.
Eterno femminile è un film che cerca di scovare nei silenzi della sua protagonista l’origine di quella ferita. In ciò che Rosario non ha detto, in ciò che gli esperti non hanno indovinato, e in ciò che i testimoni hanno scelto di nascondere: così come ogni tentativo di avvicinarsi alla verità di qualcun altro, è una parte della speculazione, una parte di proiezione e, in larga misura, la ricostruzione della proiezione del sé sull’altro.
Rosario Castellanos è un simbolo altamente riconosciuto della letteratura messicana; oltre alla sua eredità letteraria, è ricordata come una delle figure più importanti del femminismo latinoamericano.

Trovate QUI il trailer.

martedì 20 febbraio 2018

nuova uscita HarperCollins: I fiori non hanno paura del temporale

pag. 288
dal 22 febbraio

Sinossi: “Ecco cos'è l'amore. Incontrarsi il 30 di febbraio e amarsi sui colori freschi finché non prendono forma. Non era la nonna a essere strana. Eravamo strani noi che ci innamoravamo in un giorno qualunque e facevamo l'amore sulle lenzuola inamidate, noi che dimenticavamo la terra e le radici, il refrigerio delle piogge e la necessità del dolore. Noi che smarrivamo il coraggio, che ci dimenticavamo di lottare, che ci addormentavamo troppo presto o troppo tardi, che credevamo in un dio soltanto o in nessun dio affatto, che non capivamo l'importanza fondamentale del dubbio. Noi eravamo quelli strani.”

Bologna 1997. Corinna ha 17 anni, i capelli rossi e un viso ricoperto di lentiggini su cui spiccano due occhi d’acciaio. È la figlia del primo grande amore di sua madre che l’ha abbandonata subito dopo il parto. Serena ha 7 anni ed è la sua sorellastra. Il suo desiderio più grande è farsi considerare da quella sorella maggiore così misteriosa, sempre rintanata dietro le pagine di un libro o con uno walkman nelle orecchie. Vivono in una grande e caotica famiglia allargata in cui vige il matriarcato e dove per ogni decisione ci si rivolge al consesso delle antenate riunite in un’unica cappella di famiglia al cimitero. L’equilibrio familiare inizia a vacillare quando Corinna riceve una strana scatola, è piena di oggetti apparentemente scollegati tra loro ed è l’ultimo regalo del suo vero padre, morto improvvisamente in un incidente. Corinna decide di partire, insieme a Serena, per una caccia al tesoro per le vie di Bologna alla ricerca dei ricordi perduti, del segreto delle sue radici e, inevitabilmente della propria strada nel mondo.


L’autrice: Bianca Rita Cataldi, nata nel 1992 a Bari, laureata in Filologia Moderna, diplomata al Conservatorio, ha appena vinto un dottorato a Dublino. Lavora come editor e ghostwriter. È stata finalista al Premio Campiello Giovani 2009, è socia ordinaria dell’EWWA (European Writing Women Association) e del Movimento Internazionale Donne e Poesia.



lunedì 19 febbraio 2018

prossime uscite DeAgostini

Varia
Non è un lavoro per vecchi
Riccardo Pozzoli
Non è un lavoro per vecchi
(De Agostini - 20 marzo)
Le 10 regole d’oro per costruire un business di successo, per chi non teme il cambiamento, è disposto a essere autentico e a lavorare col cuore.
Riccardo Pozzoli, uno degli startupper seriali di maggior successo del panorama italiano, condivide in questo libro le sue esperienze e le sue riflessioni sul mercato del lavoro dell’era della post rivoluzione digitale: un mercato di cui molti parlano senza cognizione di causa, dipingendolo come uno scenario da incubo oppure come un mitico eldorado. Se è vero che le trasformazioni che hanno investito il mercato del lavoro hanno cancellato molte delle etichette tradizionali, hanno anche creato nuove e infinite possibilità di business. Certo, i nuovi lavori sono più complicati da spiegare perché non rientrano nelle categorie tradizionali, ma hanno reso possibile costruire intorno a sé una realtà lavorativa più gratificante, senza doversi incastrarsi a tutti i costi in uno schema predefinito. Alle soglie di questa nuova frontiera ci troviamo un po’ tutti: dai ragazzi che studiano all’università e che sanno che il loro sbocco professionale non sarà ben delineato e quasi “obbligato” come succedeva una volta, ai lavoratori che fanno i conti con la mancanza di certezze e con la fine del posto fisso, a chi sta pensando di lanciare una startup, a chi fa un lavoro tradizionale ma vuole aggiornarsi, e anche ai quarantenni o cinquantenni che, per desiderio o necessità, si trovano a cambiare pelle in un’età in cui prima sarebbe stato considerato impossibile reinventarsi.
Young Adult
Ogni attimo è nostro
Luigi Ballerini
Ogni attimo è nostro 
(DeA - 20 marzo)
Una storia che racconta al tempo stesso un giorno solo e una vita intera: la maturità, le vacanze, l’amore e poi l’amicizia.
Giacomo ha un problema: se stesso. Troppo basso, troppo goffo, troppo medio. Per fortuna c’è Fabione, l’amico migliore del mondo, e poi c’è Martina, la ragazza che ama con tutto se stesso. Senza di loro Giacomo non sarebbe sopravvissuto fino all’ultimo giorno del liceo, e sicuramente non sarebbe arrivato all’esame di maturità. E se una cosa è certa è che dopo gli esami arrivano le vacanze: un’avventura sulle spiagge del Salento attende Giacomo e Fabione. Un’avventura che comincia male però, perché Giacomo ha un mal di testa lancinante, come un treno che lo attraversa a tutta velocità, e Fabione si rompe una caviglia giocando a calcetto, proprio qualche ora prima della partenza. Ma niente e nessuno può fermare i ragazzi: Giacomo si mette alla guida e i due amici partono alla volta di Gallipoli. Mille chilometri di avventura, libertà, confidenze e segreti. È l’amicizia, è la vita… e tutto può finire all’improvviso.
Otherworld
Jason Segel
Otherworld 
(DeA - 20 marzo)
Un gioco ai confini della realtà: fin dove ti spingeresti per salvare chi ami?
Simon è giovane e ricco. Ma soprattutto è fortunato. Lui è uno dei pochi ad aver la possibilità di testare Otherworld, un videogioco di ultima generazione che dà accesso a una realtà virtuale in cui si può essere qualunque cosa. Un dio, un uomo, un mostro.  Anche Kat, la ragazza di cui Simon è da sempre innamorato, è affascinata da Otherworld, però è anche sospettosa. Otherworld è un gioco insidioso, pericoloso. E nel momento in cui Kat scopre una scomoda verità sulla società che lo ha creato, la ragazza è coinvolta in un misterioso incidente che la costringe a un coma irreversibile. Per volontà del patrigno, la mente di Kat viene connessa a Otherworld: il videogioco sembra essere infatti l'unica speranza per la ragazza. Lì, in quel mondo fantastico, potrà vivere la vita che la realtà non potrebbe più offrire al suo corpo. Simon sa che niente di tutto questo è accaduto per caso. E sa che l'unico modo per salvare la sua Kat è avventurarsi in Otherworld e giocare la partita fino alla fine.
Bambini e Ragazzi
La regina degli scarabei
M.G. Leonard
La Regina degli Scarabei
(DeA - 6 marzo, 10+)
Chi ha paura degli scarabei? Non Darkus, che delle sue paure ha fatto la sua forza, e insieme ai suoi amici è pronto a sconfiggere la ricca e spregevole Lucrezia Cutter una volta per tutte.
La terribile e ricchissima Lucrezia Cutter è nuovamente a piede libero, e trama nell'ombra per riappropriarsi degli scarabei scientificamente modificati e chiudere per sempre la partita con Darkus e suo padre. Insieme a Virginia e Bertolt, il ragazzo riesce a ideare un piano per fermarla. Ma quando sembra che tutto stia andando per il verso giusto, il papà di Darkus si rifiuta di aiutarlo. E gli proibisce di immischiarsi in affari che non lo riguardano, cose troppo grandi per lui. Darkus però non ha paura e non intende lasciare che Lucrezia l’abbia vinta. Tanto più ora che i due orribili scagnozzi di Lucrezia sono di nuovo a piede libero. L’unica speranza che gli rimane è Novak, la ragazzina più eccentrica che abbia mai conosciuto, nonché la figlia della sua peggior nemica…
Perché i pesci non annegano
Anna Claybourne
Perché i pesci non annegano
(De Agostini - 6 marzo, 7+)
Perché i cani abbaiano? Perché gli animali non si lavano i denti? Perché gli esseri umani non hanno la coda? Perché le mosche ronzano? Queste e molte altre domande insolite sul mondo animale trovano finalmente risposta nelle pagine di questo libro illustrato. Un'introduzione leggera e scanzonata - ma al contempo scientificamente rigorosa - alla storia naturale e alla zoologia, che stimola la curiosità dei bambini e li incoraggia a interrogarsi sul mondo che li circonda.
Piccolo Zen
Louison Nielman e Thierry Manes
Piccolo Zen
(De Agostini - 27 marzo, 4+)
Titoli in uscita: Rilassato come un pandaDistratto come un coniglioArrabbiato come un orso
Perché i cani abbaiano? Perché gli animali non si lavano i denti? Perché gli esseri umani non hanno la coda? Perché le mosche ronzano? Queste e molte altre domande insolite sul mondo animale trovano finalmente risposta nelle pagine di questo libro illustrato. Un'introduzione leggera e scanzonata - ma al contempo scientificamente rigorosa - alla storia naturale e alla zoologia, che stimola la curiosità dei bambini e li incoraggia a interrogarsi sul mondo che li circonda.